L’amica Geniale

Cosa è?
Difficile incontrare qualcuno che non lo conosca. E’ il libro italiano più venduto all’estero negli ultimi anni.

La sua autrice, Elena Ferrante, è del tutto sconosciuta. Dietro infatti al suo nome si nasconde  l’ennesimo personaggio, dietro il quale sono cresciute ipotesi e indagini, quasi morbose, per comprendere chi fosse la misteriosa autrice di questo successo planetario.  E’ una storia che si sviluppa in quattro lunghi libri, e racconta l’amicizia tra Lena e Lina, due bambine cresciute in un quartiere alla periferia di Napoli, negli anni cinquanta. Due bambine cresciute insieme e le cui vite, nei sessant’anni descritti dal libro, non sembrano separarsi mai, nonostante le distanze. Due amiche le cui vite sembrano lontane fin da subito, tra la voglia di emancipazione di Lena e la cocciuta testardaggine nel restare sempre nello stesso quartiere di Lina.

Di cosa parla?

E’ una quadrilogia che mi ha tenuto legato alle sue pagine per quasi quattro mesi, dopo averlo cominciato per curiosità dopo averne sentito parlare molto e averlo visto ogni sera sul comodino dal lato di Chiara. E devo a lui molte ore di sonno rubate. Troppo difficile interromperne la lettura e poggiare la testa sul cuscino.

Non da subito, comunque. Il primo libro, dedicato alla loro infanzia, è sicuramente il più acerbo, ma le basi che getta per la storia sono essenziali. Le figure che popolano il quartiere creano un quadro umano che non verrà mai abbandonato durante tuto il romanzo. E raccontano, dopotutto, anche la storia dell’Italia, dal dopoguerra, alla scoperta della ricchezza degli anni sessanta, fino a giungere fino al nuovo millennio.

Ad emergere sono, comunque, sempre e soltanto le donne.

Gli uomini sono sempre figure meschine, superficiali, spinti dall’istinto o, tutt’al più, succubi delle donne. Sono figure importanti ma del tutto manovrabili, e si fa fatica ad individuare un uomo la cui personalità emerga in maniera del tutto positiva. La profondità dei personaggi maschili e quasi del tutto trascurata, per fare emergere le donne.

Le cui sfumature caratteriali emergono non soltanto dalle due geniali protagoniste, ma da tutte le donne incontrate durante la lettura. Le cui venature caratteriali compongono un campionario quasi completo delle donne italiane degli ultimi cinquant’anni.

Perché leggerlo?

Perché Lenù e Lina sono due personaggi che restano nella memoria. Raccontano l’amicizia, con le invidie, le incomprensioni, le cattiverie e la stima reciproca, in maniera cruda ma allo stesso tempo reale.

E poi perché è un libro che non perdona nessuno, non lascia scampo e non fa sconti. E si lascia divorare.

 

Rispondi