Le elezioni indigeste

Lo sostengo da tempo. Si può giudicare Renzi in maniera positiva o negativa su quanto stia facendo al governo del Paese, ma quanto alla gestione locale del Pd, siamo ancora al punto di partenza.

Renzi non ha avuto la forza, e probabilmente neanche la voglia, di muovere qualcosa a livello locale, ancora in mano a vecchi potentati, che hanno avuto la furbizia di defilarsi proponendo al loro posto giovani di molta facciata e di capacità discutibili. Il tutto per fare in modo che nulla cambi davvero.

Una sconfitta relativa a queste elezioni potrebbe essere per lui un’opportunità, seppur indigesta, per spazzar via vecchi gerarchi ed imporre una ricetta di vero rinnovamento a livello locale.

Se volesse garantirsi un futuro duraturo dovrebbe fare la mossa che non è riuscito ad imporre prima di queste elezioni regionali.

Pretendo più attenzione da parte del PD centrale alle realtà locali. È nelle realtà locali che i potentati che prosperano da anni, è lì che il partito viene invaso da gente con intenzioni poco pulite, è lì che non si è rinnovato nulla, perché i soliti noti hanno cambiato casacca da bersaniani a finti renziani dell’ultima ora.” (dal blog di Suzukimaruti)

Rispondi