Quelli di sinistra

Leggo adesso di Pelù (bravissimo, ma la new wave italiana però è morta da un po’), Renzi e amenità varie, e leggo i commenti in giro, sui vari socialini.

E capisco che l’espressione “boyscout di Licio Gelli“, in cui si accosta un uomo ad un faccendiere quanto meno oscuro, dileggiando un movimento come quello scout di cui probabilmente non si conosce nulla, non merita una controrisposta perché in quanto tale verrebbe catalogata come un’imposizione di un pensiero unico che vedi Matteo Renzi come una sorta di Kim Jong Un Italiano.

E sento anche che anche gli 80€, molto più di quanto sia mai stato ottenuto con un rinnovo contrattuale proposto dai sindacati italiani si possa definire elemosina senza per questo vivere questa come un’offesa verso chi è più in difficoltà.

E mi sembra che tutto questo puzzi terribilmente di superficialità. E voi però si, che siete di sinistra. 

Rispondi