Pro(t). Ad aver problemi, ma di quelli seri.

Improbabili discussioni in chat.

Me: se non fai nulla perché non trovi una serie di esercizi da fare la sera… tipo per i dorsali.
Lui: ecco il solito palestrato che pensa al fisico anche nelle ore di lavoro.
Me: pensa al fisico che pensa ai palestrati. Roba che neanche i Village People.
Lui: comunque stasera allenamento di nuovo.
Me: CERCA GLI ESERCIZI.
Lui: per il fisico, farei esercizi sulla termodinamica.
Me: preferisco la pura dinamica la termodinamica non mi ha mai appassionato, al massimo pro-porrei idraulica.
Lui: è più basilare la dinamica e noi siamo pro.
Me: Pro – to -tipi.
Lui: Pro -strati.
Me: Pro-lissi.
Lui: Pro -tetti.
Me: Io mi sento più pro-tette.
Lui: Pro -capite ovviamente.
Me: Dipende quanti pro-dotti ho in mano ma se vuoi faccio un pro-nostico.
Lui: Sperando che siano pro-ficui quelli che hai.
Me: Allora tu batti a mazze, pro-babilmente. si dice pro-ficae (che latinismo, eh).
Lui: Sono pro-nto.
Me: Fa una cosa, pro-gramma che è meglio.
Lui: Veramente è quasi ora di andare a pro-vvigionarmi.
Me: Pro-lunga questo tempo, perché prima dell’una non si va da nessuna parte.
Lui: Pro-testo, ho fame.
Me: Pro-va con i cracker nel cassetto.
Lui: Penso sia un pro-blema mangiare qui e non di la.
Me: Pensi possa dare pro-blemi alla pro-stata?
Lui: No ma è una pro-cedura che potrebbe creare molliche sul portatile.
Me: Dovresti usare un pro-iettore, per evitare questo.
Lui: L’hai tu un pro-iettore? Che pro-clami inutili che fai certe volte. mio pro-de, ti mancan le parole?
Me: Pro-metto che di pomeriggio te ne pro-curo uno, così uno-due.
Lui: Mi piace quando ti pro-dighi così premurosamente.
Me: Non so se è messo nell’armadio per pro-teggerlo (finirà questo vocabolario, no?).
Lui: D’altronde si tratta di un pro-dotto di valore. siamo pro-fani della lingua noi, tzé. ti sento pro-ferire parole con altri. Pensa a lavorare!
Me: Che Pro-meteo mi assista.
Lui: Non pro-fanare gli dei. o era un pro-feta? Cosa era?
Me: Si dice sia stato un Pro-tomartire (con questa ti ho steso).
Lui: Quant’è pro-fonda la tua cultura!
Me: Ma no, è tutta questione di pro-filassi.
Lui: Hai fatto grandi pro-gressi negli anni.
Me: Vedo pro-filarsi il Nobel.
Lui: Nessuno avrebbe da ridire ad un pro-fessionista come te. Pro-lungherei ad oltranza questa discussione, mi sto divertendo molto.
Me: Non vorrei pro-crastinare ulteriormente il mio lavoro però.
Lui: Potresti pro-lungare il tuo turno e pranzare dopo per recuperare 15 minuti.
Lui: Pro-vo un senso di vuoto dopo questa discussione. vuoto pro-fondo vuoto.

Gli esercizi, poi, non li ha trovati più nessuno.