Alle tre e quarantacinque di un sabato qualunque

“C’è qualcosa che non capisco.”

Amunì, che hai adesso?”
“No, niente pensavo tra me e me, anzi lo chiedo anche a te. Ma secondo te esisterà mai un mondo risolto, psicanalizzato e finalmente senza alcun problema a cui mettere mano?”
Accuminciò…….no, no, credo proprio di no, e così credo la pensino tutti”.
“Beh, e allora perché in così tanti sembrano affannarsi dedicando così tanto tempo alla risoluzione di ogni genere di problema, come se davvero la soluzione fosse dietro l’angolo. Non sarebbe meglio lasciar perdere se poi si è comunque sempre al punto di partenza, perché certi ragionamenti sono da sempre nella testa di ogni uomo?”
“E si, raggiuni hai ma sai che noia. Cosa faremmo sennò”.
“Si, probabilmente è tutta lì la questione. Davvero, che noia, sennò.”

2 pensieri su “Alle tre e quarantacinque di un sabato qualunque”

Rispondi