Le tue parole sono lame

“Dai, fammi prendere quattro dolci per i miei nonni acquisiti, cosi vediamo se mi passano la pensione”.

Qualche giorno fa, in fila al balcone dei dolci, quasi sguarnito alle tredici di una domenica d’Agosto. Incontrando un amico dei pomeriggi estivi di qualche anno fa.

Un pensiero su “Le tue parole sono lame”

Rispondi