Che ve lo dico a fare

Credo che non esista nessuno oramai in grado di pensare così in grande per un tour. Nessuno in grado di poter investire cosi tanto.

Ma il risultato è stato perfetto.
La voce di Bono, tornata quella dei tempi d’oro, capace di emozionare o di dare energia. Di far pensare e di rendere spensierati.
E poi quella meraviglia del The Claw. Aldilà dell’immaginazione, capace di rubare la scena anche a loro stessi, all’interno di quella mega astronave automatizzata. Immensa. E i cui movimenti erano imprevedibili tanto da lasciarmi davvero un pò frastornato, quando la pioggia dei pannelli dei megaschermi è andata calando su di loro.
Davvero difficile da spiegare quanto siano stati visionari i progettisti di questa struttura.
Verrebbe voglia di lavorare con loro alla loro prossima idea.
In fondo, non mi occupo di automazione anch’io?

P.s. Domani metto su un pò di foto.

3 pensieri su “Che ve lo dico a fare”

  1. Wow, sarà stato spettacolare. Visto perché vorrei andare a vedere i Coldplay? Non sono mai stato ad un concerto "vero" con biglietto a pagamento! 😀
    Ciao,
    Emanuele

  2. E si come verrei al volo. Ma dai spero che torneranno. Piuttosto ci sono dei bei concerti a Milano in autunno. Vieni a trovare la tua famiglia e te ne fai qualcuno. E vengo anch'io!

Rispondi